79 — Rosamarina della quintessenza

Rosamarina della quintessenza, Tu si’ lu sciore re la mia speranza, I’ re notte e ghiuorno a vuje penzo ’Mpierno me fai stà’ comme ’e balanza; Quanno crire ’e fini’, tanno accummenza Chianu chianille l’amore s’avanza. Si ’a muerte nu’ nce dà’ questa spartenza, Mentre che nc’è la vita, nc’è speranza. I’ si moro e vavo ’mparaviso, Si nu’ nce trovo a vuje, manche trase.

Rosmarino della quintessenza, tu sei il fiore della mia speranza. Io di notte e giorno a voi vi penso sulla corda mi tieni e mi bilancio. Quando sembra sia finita allor comincia, pian pianino l’amore si avanza. Se la morte non ci dà spartenza finché c’è vita c’è speranza! Io se muoio e vado in paradiso, se ci trovo voi, neppur m’avanzo!