77 — Cielo, quanto so’ belle ’ste di’ sore

Cielo, quanto so’ belle ’ste di’ sore; Into Palermo nu’ nce stanno ’e pare; Stanno comme ’e barche int’a lu muolo Aspettano ’o buon tiempo pe’ navecare; Le mercanzie so’ de sete e r’oro, ’E mercantielle so’ Napulitane. I’ mescheniello stongo da ccà fora Oh si nce putesse i’ pe’ guardiano!

Cielo, quanto son belle ’ste due sorelle, per tutta Palermo non ce ne sono uguali. Stanno come barche strette al molo, aspettano il tempo buono per viaggiare. Le mercanzie son di seta e d’oro, e i bravi mercanti son napoletani. Io meschinello sto rimasto fuori: oh potessi entrarci da guardiano!