74 — DIALOGO FRA LA QUERCIA E IL CACCIATORE

DIALOGO FRA LA QUERCIA E IL CACCIATORE

CACC. O cierco antico, si’ chiù de cient’anne, L’unore tujo vola pe’ lu munno. I’ nu te cerco ’nu sacco de janne, E manche voglio ’na stola de frunne; Sulo chesto te suppleco e te rico, Damme duje aucielle de lu tiempo antico.

CIER. I’ te voglio servire, o caro amico; Ma aspettame tu a me, tu ’n autu poco, Ca ccà nce sta ’nu pizzeca formiche, Spisso spisso passa pe’ ’stu loco Si’ n auto poco tu te n’arde e triche, Accire ’nu reillo e faje lu gioco; Ma si ’nu poco ca buje tardate, Certo ca nuje veneveno a mazzate.

CACC. Cierco, chesso che parlà’ che me facite? Tu m’abburle, o dice ’a veretà’? I’ songo nu’ cacciatore aunurato, Vavo ascianno aucielle ruosse e sapurite Comme fosse ’nu mallardo o ’nu sparviero.

CIER. Amico, si’ venuto troppo tarde: E lu tiempo pe’ te male se perde: Nun serve ca pulizze chesse scarde, Ca po’ pe’ te nu’ rummane niente.

CACC. Eh! te pozza chiavare la zeffùrea ’O pure accetta ’e mastu Lebbòreo. Si’ stato pe’ me sempe de male aùrio, I’ dove era venuto a fà’ lu preatòreo, Ma cu’ le cercore d’ ’o munasterio, Te vedo fà’ taglià’ ’a mastu Saverio.

CACC. O quercia antica, hai più di cent’anni, la fama tua vola alta nel mondo. Io non ti chiedo un sacco di ghiande, neppure una fascina di sarmenti. Solo questo ti supplico e dico: dammi due uccelli del tempo antico.

QUERCIA Io voglio servirti, amico caro, ma porta pazienza un altro poco: ché qua c’è spesso un pigliaformiche: spesso spesso passa per questo luogo. se un altro poco tu pazienti e tardi, tiri a uno scriccioletto e fai il tuo gioco. Certo che se troppo tardavate affé che finiva qua a mazzate.

CACC. Quercia, cos’è questo parlare? Mi burli, oppure la verità mi dici? Io sono un cacciatore assai onorato, cerco uccelli grossi e saporiti come un mallardo o uno sparviero.

QUERCIA Amico, sei venuto troppo tardi e il tempo per te si mette male. Non serve che ti lustri queste scaglie, ché tanto a te non ti rimane niente.

CACC. Che ti possa uccidere il veleno oppure l’accetta di mastro Liborio! Per me sei stata sempre di malaugurio... e io che ero venuto qui a Canossa! Ma or con la cerca del monastero vo a farti tagliar da mastro Saverio.