72 — So’ fatto vecchio e tremmo comme ’e ghiunche

So’ fatto vecchio e tremmo comme ’e ghiunche, Comme lu vojo attaccato alla chianca; ’E figli miei me ranno cu’ ’nu trunche, Me ranno ’nfaccia â cape e dint’ ê scianche, Ricene ca â fatica songo ciunco, Quanno vavo a mangià’, tengo la lopa.

Son fatto vecchio e tremo come un giunco, come il bue attaccato al macello. I figli miei mi percuotono col bastone, mi picchiano in testa, mi pungolano i lombi. Dicono che a faticare sono inutile, ma a mangiare, la fame di un lupo.