70 — Quanno la bella mia se vo’ aracquà’

Quanno la bella mia se vo’ aracquà’, In Lete caccia chillu bellu pere; Quanno se vere la laura caccià’ Subetamente tramuta ’e culore; Quanno se vere lu sangue schizzà’ — « Aiutami, amore mio, ca i’ mo’ more! » — Me vutaje: « Amor, nu’ dubitate « Tu t’aracque a la vene e i’ a ’stu core, « I’ m’aracque a ’stu core pe’ muri’. »

Quando la bella mia si vuol lavare mette in Lete quel suo bel piedino. Quando si vede la dea cacciare subitamente lei trascolora; quando si vede il sangue schizzare — « Aiutami, amor mio, ché io muoio! » E io a lei: « Amor, non dubitare: tu ti bagni al ruscello e io al tuo cuore, e io al tuo cuore per morire. »