67 — Me voglio ’mparà’ mastu ferrare

Me voglio ’mparà’ mastu ferrare, Pe’ fà’ le catenacce e ’e maschiature; Se ne vene ’na nenna cu’ quinnece rane, — « Fammene catenacce e maschiature! » I’ me vutaje: — « Nenna, che buò’ fare, « Manche nce pave la manefattura, « ’Stu catenaccio mio è tutto acciaro, « Lu miette arreta â porta e staje secura! »

Mi voglio imparar mastro ferraio per fare catenacci e serrature. Viene una nenna con quindici grana: — « Fammene cantenatcci e serrature! » E io a lei: — « Nenna, che vuoi fare? Nemmeno ci paghi la manifattura. ’Sto catenaccio mio è di buon acciaio: lo metti dietro la porta e stai sicura! »