65 — Io so’ benuto pe’ parlarte chiaro

Songo venuto pe’ te parlà’ chiaro: Si me vuò’ dare fìglieta; che dice? A do’ la trovo, l’ abbraccio e la vaso; E po’ te pavo lu danno che fice. Tu a la corte vaie: a la corte vengo. Cu’ li recare m’ accordo l’ amice. Tu te ne vaie cu’ figlieta vasata; I’ me ne vaco cuntento e felice.

Sono venuto per parlarti chiaro. Vuoi darmela tua figlia? Che decidi? Dove la trovo me l’abbraccio e bacio; poi il danno fatto — è inteso — te lo pago. Parliamo franco, non tergiversiamo. Io coi denari ho dalla mia gli amici. Tu te ne vai con tua figlia baciata: io me ne vado contento e felice.