60 — Int’a ’stu luogo nc’è nato ’nu lupo

Int’a ’stu luogo nc’è nato ’nu lupo, Tutte le donne belle s’ha magnate. Nce stà’ una ca è tanta lenguta, Che p’ ’a lengua nu’ s’è maretata. È ghiuta a Sant’Antonio a fà’ ’nu vuto: — « Cielo famma ascì’ ’nu nammurato! » Nce è sciuto ’nu sciacqualattuche, Che è lu scarto re li nammurate.

In questo luogo c’è nato un lupo, tutto le donne belle s’è mangiate. Ce ne sta una tanto linguacciuta che per la lingua non si è maritata. È andata da Sant’Antonio a fare un voto: — « Cielo, fammi trovar l’innamorato! » Le è sortito un quaquaraqua: proprio lo scarto degli innamorati.