58 — ’Nu juorne me vutaje lu capricce

’Nu juorne me vutaje lu capricce De pegliare lu schioppo e ghiette a caccia; Po’ pe’ sciorte nce truvaje ’nu ricce Re menghe sette botte e nu’ lu faccio. M’accale ’nterra pe’ peglià’ lu ricce, E ’o riccio nce ’ngrefaje lu mustaccio. Mare chill’omme, che và’ appiero ô riccio, Perde ’o tiempo e po’ niente ne caccia!

Un giorno mi venne il capriccio di prender lo schioppo e andare a caccia. Poi per sorte mi trovai un riccio, quattro botte gli meno e non lo faccio. Mi chino a terra per prendere il riccio e il riccio mi graffia il mustaccio. Disgraziato colui che va’ dietro al riccio, perde il suo tempo e nulla ne ricava!