55 — Vurria addeventà’ ’nu pesce spate

Vurria addeventà’ ’nu pesce spate, Pe’ ghire a lu prufunne re lu mare, Venesse ’o pescatore e me pescasse, Rinto a ’na chianella me mettesse; Venisse nenna mia e m’accattasse, E dinto a ’na tïella me friesse. Nu’ me ne recuro, che me magnasse, Abbasta, che ghiarria ’ncuorpo â essa!

Vorrei diventare un pesce spada per andare nel fondo del mare. Venisse il pescatore e mi pescasse e dentro una nassa mi mettesse. Venisse nenna mia e mi comprasse e dentro una padella mi friggesse. Non mi curo, che poi mi mangiasse: mi basta star dentro di lei!