50 — Io quanno me ’nzuraje nu’ la vuleva

Io quanno me ’nzuraje nu’ la vuleva; Pe’ forza me la fecero peglià’. E una vota, che me nce cuccaje Io era peccerillo e niente sapeva, Chella se vota e dice: — « Uh! maramè, » So’ peccerella e t’aggio ra mparà’ » ’Nchiure le porte e stute le cannele, » Chisso è lu mare si vuò navecà’. »

Io quando mi sposai non la volevo: non me la fecero prendere per forza? E la prima volta ci dormivo accanto da coglioncello che non sapeva niente. Lei mi s’inalbera: — « Poveretta me! » O devo dirti io come si fa? » Chiudi le porte e spegni le candele: » il mare è questo, se vuoi navigare. »