49 — So’ nato vorpe pe’ scavà’ l’arena

So’ nato vorpe pe’ scavà’ l’arena, ’Nfaccia a la porta toja faccio la tana. Li cacciature nce fanno la mena, Rice, ca vonno avè ’sta pelle ’mmana. ’Nce passe la matina e pure ’a sera, Nu’ me nce faccio accogliere a la tana. I’ pe’ despietto a chi nce fà’ la mena, ’Sta quagliarella m’aggio ra peglià’.

Son nato volpe per scavar la rena, di fronte alla porta tua faccio la tana. I cacciatori ci fanno le poste, dicono di volere la mia pelle in mano. Ci passo e spasso di mattina e sera, non mi ci faccio coglier sulla porta. Io per dispetto di chi mi fa le poste, questa quagliarella mi devo pigliare.