48 — Quanta ch’è bella l’aria re lu mare

Quanta ch’è bella l’aria re lu mare, ’Stu core nu’ me rice de partire; Nce stà’ la figlia re lu marenare, Tanta ch’è bella ca me fà’ muri’. ’Nu juorno me nce voglio arresecare, Rinto alla casa soje voglio trasi. Tanto la voglio stregnere e vasare, ’Nfino, che dice: — « Amore, pigliatie! »

Quanto è bella l’aria di mare: ’sto cuore me lo dice di partire. Ci sta la figlia del marinaio: è tanto bella che mi fa morire. Un giorno me ci voglio arrischiare, dentro la casa sua io voglio entrare. Tanto la voglio stringere e baciare, finché non dice: — « Amore, sono tua! »