44 — Statue alleramente, amice care

Statue alleramente, amice care, Quatto parte ne faccio ’stu mio core. Una la manno a Napua a scialare, E n’ata la manno a le parte de fore. Una la manno spierta pe’ lu mare, Che me purtasse conziglie e parole, N’ata m’ ’a tengo cu’ mico cara cara Pe’ nce essere chiammata vura core.

Statemi allegramente, amici cari: quattro parti ne faccio di ’sto core. Una la mando a Napoli a scialare, e un’altra la mando in giro nel mondo. Una la mando spersa per il mare, che mi portasse consigli e parole. E un’altra me la tengo cara cara per essere chiamata senza cuore.