43 — Si t’haje da zurà’, pigliala bella

Si t’haje da zurà’, pigliala bella, Nu’ tanto bella, ca te fà’ paura; Pigliatie ’nu poco vruccutella, Che sia relicata a la centura; Così se l’haje da fare ’na vunnella, Sparagne seta, ’nforra e cosetura; E si tu l’haje da fà’ ’n abbracciatella, Comme abbracciasse ’nu mazzo re sciure.

Sposarti devi? E allora ascolta: pigliatela bella, però non troppo. Ché poi ti fa paura. Pigliala bruna e generosa, ma che sia delicata alla cintura. Così se devi farle in dono una sottana risparmi fodera e seta e cucitura. E se vuoi farle poi un’abbracciatella: come abbracciassi un mazzo di fiori!