41 — Figliola, ca si male maretata

Figliola, ca si male maretata, Nu’ ghiammo ’ncoppa a li parienti tuoi. Quanne l’aviste la primma mmasciata, Che t’era a tene, ca diceve: None! Tu me facive la capa acalata, Nu’ me recive nè sinenone. Mo’ che dinto alli ’mbruoglie si’ ’ncappata, Trattene ascì’ tu comme meglio puoje.

Figliola che sei male maritata non tiriamo in ballo i tuoi parenti. Quando avesti la prima imbasciata, la prima per te, che dicevi: No! Tu mi facevi la timida e ingenua non mi dicevi né sì né no. Ora che in quest’imbroglio sei incappata ingegnati a uscirne come meglio puoi.