39 — Bella, che staje ’ncoppa a ’sa fenesta

Bella, che staje ’ncoppa a ’sa fenesta, Famme ’na razie, e nu’ te ne trasi’. Molleme ’nu capillo re ’sa trezza, Mollela abbascio ca voglio saglì’. Quanno nce songo ’ncoppa a ’sa fenesta Pigliame ’mbraccio e portame a durmì’. Quanno nce simmo ’ncoppa a chillu liettu, Mannagge ’e muorte e chi nce vò durmì’!

Nenna, che t’affacci da questa finestra: fammi grazia, non nasconderti. Ma sciogliti un capello dalle trecce. Lascialo scendere ché voglio salire. E quando sarò arrivato alla tua finestra prendimi in braccio e portami a dormire. Però quando saremo nel tuo letto sia maledetto chi ci vuol dormire!