38 — Affacciate a ’sa fenesta, viene, viene

Affacciate a ’sa fenesta, viene, viene; E si nu’ biene tu, ccà un’ se mancia. Levate su pensiero ca ’ncapo tiene, Rona ’su core a chi prumisse l’haje. Si l’ê prumisso a me, tu tiene tiene; Si l’ê prummiso a n’ato, nu’ mancare, Chesta è ’na cosa ca d’ ’o cielo vene; Se ’ncielo è fatto, ’nterra nu’ pô mancà’.

Affacciati a ’sta finestra, vieni, vieni; e se tu non vieni, io non mi sazio. Togliti questo cruccio che dentro ti tieni: dona ’sto cuore a chi tu l’hai promesso. E se l’hai promesso a me, perché tentenni? E se l’hai promesso a un altro, non mancare. Questo è un comando che dal cielo viene: se in cielo è deciso, quaggiù non può mancare.