37 — Vurrie sapè’ cu’ miche, che nc’avite

Vurrie sapè’ cu’ miche, che nc’avite? Quanno me verite, ve ne jate, Subetamente le porte ’nchiurite, Le spalluzze ’nfaccia me vutate. Ve prejo, amore mio, nu’ lu facite. Nu’ se tratta accussì lu nammurato. Famme ’nu rampuo de s’uva greca, Senza vevere vino me ’mbriaco; Ramme ’nu vaso ca i’ me cujeto, Pensa ca simme state nammurate.

Vorrei sapere con me cosa avete? Quando mi vedete ve ne andate, di subito le porte serrate, le spallucce in faccia mi voltate. Vi prego, amore mio, non lo fate. Non si tratta così l’innamorato. Offrimi un tralcio di quest’uva greca: senza bere vino io di te m’inebrio. Dammi un bacio che mi acquieti: pensa che siamo stati innamorati.