34 — Fenesta vascia ’e patrona crurele

Fenesta vascia ’e patrona crurele, Quante suspire m’hê fatto jettà’. M’arde ’stu core, comme ’e ’na cannela, Cielo, quanno te senghe annummennà’. Pigliate l’esperienza de la neve; La neve è freta e se fà’ mancià’: Bella figliola, quanto si’ crurele, Muorte me vire e pietà nun haje.

Finestra bassa di padrona crudele, quanti sospiri m’hai fatto sprecare! Questo cuore m’arde come una candela, cielo, quando sento il tuo nome nominare. E tu, prendimi esempio dalla neve! La neve è fredda ma si fa accarezzare. Bella figliola, quanto sei crudele! Mi vedi morire ma non hai pietà.