31 — Quann’ ’a tùrtera perde la cumpagna

Quann’ ’a tùrtera perde la cumpagna, Tutto lu juorno sta’ melancunosa; Po’ va dinto a’ ’na senca de muntagna, E là se chiagne li malanne suoje, Po’ se nc’asce ’nterra ’nu pantano E se veve l’acqua trevulïosa; Così è ’na nenna, quanno se scumpagne, Perde li guste, li spasse e li suone.

La tortora se perde la compagna un giorno intero se ne sta intristita. Poi si rifugia in un crepaccio di montagna, e la si piange i suoi malanni. poi se trova in terra una pozzanghera si bene l’acqua tutta intorbidita. Così è la donna quando si scompagna: smarrisce ogni gusto e ogni piacere.