27 — So’ fatto viecchio e chine de schefezze

So’ fatto viecchio e chine de schefezze, N’aggio chi me cerche ’nu perocchie; Io chiammo nòreme e chella scherche, Rice nu’ po’ vere’ chiù tante sforchie, I’ ’nu juorno lu sentiette cu’ ’sti recchie, Si nce torna a benì, re cacce n’uocchio.

Son fatto vecchio e pieno di schifezze, non ho chi voglia togliermi un pidocchio! Chiamo mia nuora e quella nicchia, dice che non può vedere più tanto schifo. Io l’ho sentita un dì con queste orecchie: se torna a venir, gli cavo un occhio!