25 — Ogni patre tene cinquanta figlie

Ogni patre tene cinquanta figlie, Tutte cinquante cu’ la scuppettella; E ’ncape s’ ’a mettena ’na rezziglia, Sotto a ’stu cierco venene a fà’ pulecenelle; Si ’e bire e i’ pascenne pe’ sotte ’e castegnelle; E rusecanno manche li purcielle; Ma è guaio se ’a muorte n’è surella; Nu’ nce fanno ’ntuzzà’ ’nu fecuciello ’Nfacce ’e frasche nce appenghe le cosce.

Ogni padre ha i suoi cinquanta figli, tutti e cinquanta con lo schióppo in spalla e in testa una cuffia fatta a maglia sotto la quercia a fare Pulcinella. Te li vedi andare sotto i castagnelli e rosicchiare peggio dei porcelli. Ma che guaio se morte non è sorella: neppure un caprifico fan maturare. Presso le frasche ci appendo le cosce!