23 — Fenesta, cu’ ’su nova gelusia

Fenesta, cu’ ’su nova gelusia, E martellata cu’ centrelle r’ore; Dinte nce tiene chiusa nenna mia, Ciele, famm’à verè’ primme che more. Vavo alla ghiesa e nu’ pozzo trasire Piglio po’ l’acqua santa ed esco fora; Vavo a lu lietto e nu’ pozzo durmire, ’Na fattura m’ha fatta ’a Chianajola.

Finestra, con la tua nuova gelosia e martellata con chiodini d’oro, dentro ci tieni chiusa nenna mia. Cielo, fa’ che la veda pria che muoio. Vado alla chiesa ma non posso entrare, prendo l’acqua santa ed esco fuori. Vado nel letto e non posso dormire: m’ha affatturato così la Chianaiola!