22 — Fenestà ca lucive e mo’ nu’ luce

Fenesta ca lucive e mo’ nu’ luce, Segno è che nenna mia sta malata, S’affaccia la nennella e me lu dice: — « Nennella toja è morta e s’è atterrata. » Vavo a la ghiesa e trovo ’nu taute: — « Nennè, pecchè l’hè fatto e m’aje lassato? « Chella vucchella, che ghiettava sciure, « Mo’ ietta vierme, uh! che pietate: « Sempe recive, che durmive sola; « Mo’ ruorme cu’ li muorte accumpagnata! »

Finestra che lucevi e mo’ non luci: segno che nenna mia cadde malata. Si affaccia la sorella e me lo dice: — « Nennella tua è morta e sotterrata. » Vado alla chiesa e scopro la bara: — « Nenna, perché l’hai fatto, ché m’hai lasciato? « Quella boccuccia tua piena di fiori « ora è tana di vermi, disgraziata! « Sempre ti lamentavi ché dormivi sola: « ora dormi coi morti accompagnata. »