19 — Vurrìa addeventare ’na restina

Vurrìa addeventare ’na restina, Pe miezo Santo Aniello ’na sepala; Quanno nce và ’a passà ’nennillu mio, Pe la sciammereca lu voglio afferrare. Chille rice: — « Lasseme, restina! » — « Tanno te lasso, quanno spusarraie. »

Vorrei diventare un arbusto di rovi, fare una siepe in piazza a Sant’Agnello. E quando di là passa quel mio bello Per la giacchetta lo voglio afferrare. E lui mi dice: — « Lasciami, restìna! » — « Tanto ti lascio, quando ci sposiamo! »