15 — Si vuò sapè stanotte ch’ho sunnato

Si vuò sapè stanotte ch’ho sunnato, Miettete accanto a mme, ca mo’ t’ ’o dico. Mammeta nc’ era dinto a lu mercato, Ed io m’era miso a parlà’ cu’ tico; Tante vasille, che nc’ avimmo rate, Ancora tengo lu musso sapurito. Si mammeta me mette ’n carcerato, Me scarcerate vuje, che bella site.

Se vuoi saper stanotte che ho sognato mettiti accanto a me, ché te lo dico. Mamma tua stava giù al mercato e io m’arrischio a dirti una parola. Poi tanti di quei baci ci siam dati: ne tengo ancora il muso saporito! Se mamma tua mi mette carcerato mi scarcerate voi, che bella siete.