14 — Stanotte, a mezannotte, maru mene

Stanotte, a mezannotte, maru mene! Io fui chiammato ra ’na bella donna Mme nce purtaje abbascio a lu ciardino, ’Nce steva ’na funtanella ’a guisa r’oro; L’acqua che currea parea vino, Steve piantato miezo a doje culonne. Chesto te rico a te, nennella mia, Nu’ mme veni’ cchiù zuonno quanno rorme.

Stanotte a mezzanotte, proprio me! Io fui chiamato da una bella donna che mi portò laggiù nel suo giardino e c’era una fontana tutta d’oro e l’acqua che scorreva pareva vino: stava piantata in mezzo a due colonne. Questo ti dico a te, nennella mia: non venirmi più in sogno quando dormo.