9 — Vurria, che me giuvasse lu peglià’

Vurria, che me giuvasse lu peglià’, ’Come me giove lu tenere—mente; Come ’e farcone me vurrìa acalà’ Pe te’ pegliare â mìeze â tanta gente; Tanto arauto te vularrìe purtà’ P’essere chiammato farcone valente; Tante vasille te vularrìa dà’, ’Nfine che dice Amore: « Io so’ cuntente! »

Vorrei che mi giovasse l’agire come mi giova scrutarti e indugiare. Come il falcone mi vorrei calare per ghermirti tra tutta l’altra gente. Tanto alto ti vorrei portare per dimostrarmi falcone valente. Tanti di quei baci ti vorrei dare fino a che dica Amore: « Io son contento! »