8 — Bella, chisse uocchie tuje m’hanno legato

Bella, chisse uocchie tuje m’hanno legato, Nu’ me fanno cchiù ire a nullo luogo, Nu’ me fanno ire addò songo mannato; Vave pe’ ghire là, e venghe lloco. Te nce addesire comme ’e ’nu malato L’acqua cerca e nce ne ranno poco; Io t’addesìre de t’avè’ a ’stu lato, Pe te puterete parlà’ ’nu poco.

Bella, gli occhi tuoi m’han fatto schiavo: non mi lascian più andare in nessun luogo; non mi lascian più andare dove son mandato: faccio per andar via, e torno da te. Di te ho desiderio come il malato che l’acqua cerca e gliene danno poca. Di te ho desidero d’averti al fianco per poter soltanto parlarti un poco.