6 — Saluta chesta chiazza ogne patrone

Saluta chesta chiazza ogne patrone, Chiste è l’amante tuje ch’è riturnato; I’ re ’sta chiazza ne songhe patrone, Re ’sta nenna so’ stato ’nammurato; E se nce sta’ quacche pretenzeone, Chesta è la vita mia repusetata.

Ogne feneste ’na vocca re fuoco; A ogne portone nce mecche n’armata, Chi forte se sente, che se ne ’ngiarma, Ca s’è scetata la serpe, che dorme, Faccio sunare le campane all’arme, ’Stasera into â ’stu luogo nu’ se dorme.

Saluta questa piazza ogni padrone: ecco l’amante tuo ch’è ritornato. Io di ’sta piazza ne sono il padrone di questa nenna son stato innamorato. E se c’è qualcun altro che presume qui sta la vita mia a malleveria.

A ogni finestra una bocca di fuoco a ogni portone ci metto un’armata. Chi forte si sente, scenda in lizza: ché si è svegliata la serpe che dorme. Faccio suonare le campane all’arme: stasera per ’sti luoghi non si dorme.