1 — ’A bella nenna, quanno se marita

’A bella nenna, quanno se marita, Se crede, c’ ha lu pallo pegliato; Per otto juorno sta’ sempe vestita, Po’ addeventa scioccola spennata, Poi venene li guaie d’ ’o marito, Ne vorte ’e muorte ’e quanne s’è mmaretata: « Meglio me fosse stata vecchia zita « Nu’ patarrie le pene che pate! »

La bella nenna quando si marita si pregia d’aver tolto un gran tesoro. Ma passati presto gli sponsali eccotela chioccia spennacchiata! Poi si rigira in faccia al marito: che non mi fossi giammai maritata! Meglio assai restare vecchia zita: non patirei le pene che mi date.